Comprare casa in Asta: Aggiudicazione

Comprare casa in Asta: a quanto ammontano le Spese di Aggiudicazione?


Sei deciso a comprare la tua casa in asta, anche se non hai ben chiaro quali siano le spese di aggiudicazione? 

Niente paura, perché adesso andiamo a quantificarle nel dettaglio, in modo che tu possa fare bene i tuoi conti.

Hai compilato la domanda di partecipazione, richiesto l’assegno circolare, fotocopiato la documentazione richiesta. Hai messo tutto in busta chiusa e consegnato la tua offerta. Magari, dopo l’ebbrezza della gara all’incanto, sei anche riuscito a spuntarla e ad aggiudicarti l’immobile.

Ma adesso cosa succede?

Asta Aggiudicata Provvisoriamente

Forse non sai che l’aggiudicazione subito dopo la gara deve sempre considerarsi provvisoria.

Infatti, la legge prevede che nei 10 giorni successivi alla gara, possano essere presentate ulteriori offerte.

Le offerte presentate devono essere superiori di un quinto rispetto al prezzo di aggiudicazione.

Ti anticipo che succede raramente, ma può anche succedere, perciò dovrai attendere 10 giorni prima di brindare alla tua nuova casa!

Cosa succede se entro questi 10 giorni viene presentata un’offerta superiore ad un quinto del prezzo di aggiudicazione?

Nel caso in cui dovesse verificarsi questa ipotesi, viene indetta una nuova asta

L’aggiudicatario provvisorio e gli altri partecipanti non vincitori, sono chiamati a partecipare insieme al nuovo offerente.

Comprare Casa all’Asta: Saldo Prezzo

Trascorsi 10 giorni, in qualità di aggiudicatario, riceverai la comunicazione di aggiudicazione definitiva.

Pertanto dovrai versare il saldo prezzo entro un termine ben preciso, che può arrivare fino a 120 giorni dal giorno di aggiudicazione.

Si dice che la vendita forzata ha un “effetto purgativo” poiché estingue i vincoli che gravano sull’immobile.

La cancellazione tuttavia non è automatica.

Potresti dover mettere in conto anche le spese per le formalità di cancellazione.

L’avviso di vendita può anche specificare che tali spese sono a carico della procedura.

Comprare Casa all’Asta: Spese di aggiudicazione

Una volta versato il saldo prezzo, ti rimangono da pagare:

–  € 262 per la cancellazione  del pignoramento;

–  € 35 per la cancellazione dell’ipoteca volontaria;

–  € 59 di imposta di bollo;

–  € 35 di tassa ipotecaria.

Per la cancellazione dell’ipoteca giudiziale, invece, occorre versare lo 0,50% dell’ammontare dell’ipoteca.

Decreto di Trasferimento

Effettuato il pagamento del saldo prezzo è possibile richiedere al giudice l’emissione del decreto di trasferimento del bene.

Devi sapere che il decreto di trasferimento comprende l’ingiunzione di abbandonare l’immobile venduto entro un determinato termine.

L’ingiunzione è rivolta al debitore e all’eventuale occupante l’immobile.

Il decreto di trasferimento è l’atto che trasferisce a tutti gli effetti il bene all’aggiudicatario.

Deve essere trascritto nei registri immobiliari.

Come per l’atto di acquisto, la trascrizione è soggetta all’imposta di registro, pari al 2% del prezzo di aggiudicazione, se prima casa.

Per le seconde case l’imposta è del al 9%.

La legge pone a carico dell’aggiudicatario il 50% del compenso dovuto al professionista delegato alla vendita.

L’importo varia in relazione al prezzo di aggiudicazione, con un minimo di € 550 e un massimo di € 1.100.